Come Coltivare le Rose

Coltivare le rose non è affatto un’operazione complessa come molti pensano. Diciamo che esistono una infinità di varietà di rose, tra le quali anche alcune delicate ma generalmente esse sono arbusti vigorosi e rustici che non necessitano di cure particolari.

Ricordiamo che le rose che amano l’ombra sono poche mentre generalmente queste amano il sole tanto che senza sole non produrranno fiori o quasi. Ricevere una buona dose di raggi solare è infatti un elemento necessario per la fioritura della maggior parte delle rose.

La preparazione del terreno dove mettere a dimora la rosa è importante, ma nuovamente non è complesso. Il terreno andrà ovviamente lavorato e aggiungeremo stallatico ben maturo e anche un poco di terriccio universale soffice e ricco. Questo sarà più che sufficiente per preparare il luogo adatto affinché le nostre rose crescano benne e rigogliose.

Nel momento in cui pianteremo le rose premuriamoci di creare una buca ampia dove ospitare e al richiuderla facciamo attenzione a non coprire in modo eccessivo il colletto della rosa. Allo stesso modo se le rose saranno state acquistare in vaso, non poniamole a una profondità inferiore a quella dello stesso vaso in cui erano precedentemente: insomma non dobbiamo sotterrare la rosa, sarà questa, una volta nella nuova dimora, che svilupperà autonomamente l’apparato radicale verso il basso, da qui l’importanza di creare una bella buca e usare terriccio soffice.

In termini invece di cure e potature che dovremo svolgere periodicamente

-Da marzo fino a settembre, innaffiamo solamente quando il terreno è asciutto ed evitiamo di bagnare le foglie in modo che non appaia l’oidio

-A fine inverno, effettueremo la potatura della rosa lasciando solamente due o quattro gemme. Tuttavia lasceremo sempre l’ultima gemma della rosa rivolta verso l’esterno dell’arbusto. Questo ci garantirà che la pianta si sviluppi a coppa senza rami che si intrecciano fra di loro in modo antiestetico

-Dalla primavera sino all’autunno, controlliamo periodicamente non vi siano afidi e in caso ne rileviamo la presenza debelliamoli immediatamente con dell’insetticida, o se vogliamo una soluzione fatta in casa, spruzziamo sulle foglie un composto di acqua e sapone per bucato naturale

-Durante tutto il periodo della fioritura, rimuoviamo i fiori appassiti tagliando il ramo circa due o tre foglie sotto il fiore da recidere. In caso di arbusti particolarmente vigorosi potremo anche procedere a una cimatura più invasiva tagliando di circa la metà quei rami che hanno già fiorito.

Coltivare le rose è quindi piuttosto semplice.