Come Progettare un Bagno

Progettare il bagno in una casa può sembrare una cosa banale ma invece non lo è affatto. Il bagno è uno degli ambienti più utilizzati in una casa e solamente un’adeguata progettazione può consentirne l’uso razionale.

Nel bagno, infatti, si trovano a convivere esigenze di praticità con quelle di comfort oltre che di resa estetica. A seconda della destinazione d’uso del bagno, ovviamente, opereremo scelte diverse.

Se si tratta del bagno padronale, ovvero del vero e proprio bagno utilizzato dalla famiglia per tutti gli scopi igienici, presteremo particolare attenzione a un corretto inserimento dei principali apparecchi, che sono water, bidet, lavandino e vasca da bagno o doccia. La disposizione di questi dovrà essere comoda per l’uso e lo spazio tra uno e l’altro dovrà garantirne la fruibilità oltre che comode operazioni di pulizia. Risulta essere molto importante considerare che generalmente è in questo bagno che si colloca l’unica vasca da bagno, anche qualora fossero presenti più bagni mentre, in presenza di altri bagni, verranno collocati in questi gli elettrodomestici come lavatrice e asciugatrice. Nel caso invece non vi fossero altri bagni, una scelta opportuna potrebbe essere quella di incassare la lavatrice sotto il lavandino, scegliendo appositi lavandini non troppo profondi, in modo da non dover sollevare troppo da terra il piano rendendone quindi incomodo l’uso. Altra soluzione ottimale è l’incasso della lavatrice e della asciugatrice in nicchie ricavate nella parete, fatto questo che riduce ne l’ingombro.

Il secondo bagno, invece, può avere due utilizzi, se posto vicino alla porta di entrata verrà usato come bagno degli ospiti. Un ambiente dunque di rappresentanza, destinato a essere usato per lo più come lavamano e per questo spesso diviso in due, con un antibagno dotato di lavandino e una seconda zona con water e bidet. Difficilmente il bagno degli ospiti presenta vasca o doccia, visto che un ospite non avrà bisogno di tali sanitari e la famiglia non userà poi molto questo tipo di bagno.

Diverso invece è il bagno di servizio. Si tratta di quel bagno adibito particolarmente a uso di lavanderia, nel quale troverà spazio quindi la lavatrice e l’eventuale asciugatrice e i prodotti di pulizia per la casa. I sanitari dovranno quindi tenere conto di questa finalità d’uso, magari con il sacrificio del bidet a favore piuttosto della doccia, da preferire con piano doccia realizzato a livello del pavimento in modo da poter utilizzare lo scarico di questo anche come scarico di emergenza in caso di perdite della lavatrice. Ovviamente tutto il pavimento del bagno terrà conto di tale evenienza con una inclinazione verso tale via di fuga per l’acqua.

Anche in questo caso la possibilità di dividere in due il bagno, se la dimensione lo permette, con un antibagno dedicato a lavaggio e asciugatura e una zona bagno vero e proprio permette di massimizzare l’uso dei due locali separati, particolarmente in presenza di panni stesi ad asciugare che non verrebbero disturbati dai vapori prodotti dalla doccia.

Va considerato infine che l’ubicazione di tale bagno, particolarmente per chi dispone di una casa o di un appartamento collegato con il garage, nei pressi del garage stesso lo rende il bagno più comunemente usato per la doccia al rientro da lavoro o dopo un sessione di esercizio fisico, costituendo la soluzione ottimale per sporcare al minimo l’ambiente abitativo. In questi casi, dunque, oltre la funzione di lavanderia, nella progettazione del bagno si dovrà tenere conto di tale probabile utilizzo.