Come Arredare una Cabina Armadio

La cabina armadio è il sogno di molte donne ma risulta uno spazio in grado di affascinare anche l’universo maschile, chiunque abbia provato la comodità di una cabina armadio sicuramente concorderà in merito alla sua praticità e utilità.

Molti credono, erroneamente, che la cabina armadio sia molto costosa da realizzare e per questo abbandonano l’idea di averne una personale, in realtà non è proprio così.

Innanzitutto diciamo che la cabina armadio permetterà di non comprare l’armadio, che è il pezzo della mobilia della camera da letto più costoso. Quanto avremmo speso per comprare l’armadio, quindi, potremo investirlo per arredare una cabina armadio fai da te.

Infatti acquistare una cabina armadio chiavi in mano potrebbe comportare una spesa rilevante, ma nell’arredamento di una cabina armadio non vi è nulla di difficile e per questo potremo realizzarlo facilmente da noi stessi seguendo algune semplici regole che andremo ora a illustrare.

Per realizzare una cabina armadio potremo utilizzare uno spazio apposito ricavato nella camera da letto o una stanza adiacente a questa. Consideriamo che andrà benissimo anche uno sgabuzzino o comunque un locale senza finestre.

Delle quattro pareti di cui si compone generalmente un qualsiasi vano, utilizzeremo solo due di queste, lasciando quindi libera la parete che presenta la porta di ingresso alla cabina armadio e una parete per ponervi lo specchio e dei faretti per illuminare bene la zona specchio.

Nelle altre pareti creeremo delle mensole che vanno da parete a parete. La mensola più bassa potremo ubicarla ad una altezza di 40 cm da terra mentre l’altra, al contrario, a una altezza di 60 cm partendo a misurare dal soffitto.

Così, se avremo una casa con dimensioni standard, il soffitto sarà ubicato a 2,70 metri e lo spazio tra le due mensole che abbiamo appena realizzato sarà di 1,70 metri. In questo spazio potremo mettere un bastone al quale appendere i nostri vestiti e utilizzare la mensola in alto per quelle cose che usiamo meno come coperte o vestiti fuori stagione mentre la mensola inferiore sarà utile per posare maglie, maglioni o magliette.

Volendo in una delle due pareti, o anche in entrambe, ci sarà anche la possibilità di mettere una seconda mensola nella parte bassa, lasciando uno spazio di 40 cm tra una mensola e l’altra, riducendo quindi a 1,30 m lo spazio libero per appendere vestiti. In alternativa potremo anche attrezzare una parete, o una porzione di questa per i capi da ripiegare. Indispensabili comunque un porta cravatte e uno stira pantaloni, così come tornerà utilissimo pensare a posizionare alcuni elementi a lato dello specchio per appendervi i vestiti che useremo per dormire la notte.